Agenzia Investigativa a Firenze

Come è strutturata un’agenzia investigativa privata

Come vediamo da questo schema una agenzia investigativa ben strutturata e funzionale deve avere un team di collaboratori specializzati nelle varie funzioni. Prima di tutto il titolare della Licenza: l’investigatore privato deve disporre di una solida formazione giuridica in quanto l’attività investigativa può affrontare le più diverse problematiche dal diritto di famiglia al diritto del lavoro, dal diritto penale al diritto amministrativo, dallo smobilizzo del contenzioso alle indagini in ambito internazionale ecc.

L’agenzia di investigazioni private dovrà avere una efficientissima segretaria “multitasking” quale raccordo tra cliente, investigatore privato, corrispondenti italiani ed esteri ma per soprattutto per la programmazione degli operatori esterni che svolgono il lavoro più delicato: i pedinamenti. Le cosiddette agenzie di investigazioni “ one-person “ con l’investigatore privato che risponde al telefono, effettua da solo i pedinamenti, riceve il cliente, si scrive i rapporti finali in genere è sottoposto ad uno stress tale che non consente uno svolgimento sereno della propria attività.

Fotografo-uomo

Come scegliere un’agenzia investigativa affidabile?

La scelta dell’agenzia di investigazioni è essenziale per la buona riuscita dell’indagine privata. Con il primo colloquio ( anche quello preliminare telefonico per fissare un appuntamento) il cliente potrà farsi una idea della personalità dell’investigatore privato.. Devono emergere immediatamente sia le qualità tecnico- professionali del detetctive, sia le sue capacità relazionali e di empatia immediata con l’interlocutore. Il cliente che si trova in uno stato emotivo di grande fragilità e coinvolgimento psicologico deve trovare una persona in grado di aiutarlo sia sotto il profilo tecnico che di comprensione umana. Il primo colloquio quindi rappresenta la vera “prova del 9” ecco alcuni elementi importanti di valutazione:

Il primo contatto diretto:

  • Le impressioni iniziali sono spesso le più esatte. Se alla domanda “ questa persona è in grado di aiutarmi??” la risposta è affermativa , si è sulla buona strada.
  • I requisiti personali ed attitudinali dell’investigatore privato. Intelligenza, dedizione, onestà, professionalità sono solo alcune delle caratteristiche principali che ogni buon detective deve possedere.
  • L’età del detective. In genere l’esperienza di anni sul campo dell’investigatore privato costituisce un fattore di maggior sicurezza.
  • La capacità comunicativa dell’investigatore. La dialettica di un detective privato si può assimilare a quella del giornalista investigativo. Deve sapere interagire con le fonti informate sui fatti, i testimoni, i corrispondenti italiani ed esteri e quindi il primo colloquio con il cliente è rivelatore di questa personale capacità
  • Come si esprime. Una comunicazione diretta professionale, ma che ispiri simpatia è il modo migliore per entrare in sintonia con il cliente. Il linguaggio dell’investigatore privato deve essere chiaro e semplice, non ampolloso o retorico. Soprattutto devono essere evitati giudizi o critiche al comportamento del cliente.
  • Lo studio dell’investigatore. La sede dell’agenzia investigativa è fondamentale per la prima valutazione. Se l’investigatore privato riceve il cliente in un bar o in macchina significa che non ha uno studio ma si appoggia ad altre agenzie e quindi occorre prestare molta attenzione. Invece l’ubicazione, l’arredamento, la presenza di attestati, foto e riconoscimenti riflettono la personalità dell’investigatore privato.

Quali indagini può effettuare un’agenzia investigativa?

Le indagini in ambito familiare

Dalle ultime statistiche disponibili risulta che annualmente in Italia si verificano ca. 90.000 separazioni ed oltre 50.000 divorzi. E’ evidente che per l’investigatore privato i confitti familiari siano, da sempre, un ambito di intervento privilegiato… L’agenzia investigativa, con il suo staff, può svolgere indagini per accertare l’infedeltà del coniuge o del partner, la violazione degli obblighi coniugali, ricercare elementi di prova per l’affidamento dei figli, verificare attività lavorative non dichiarate per la riduzione, la revoca o l’aumento dell’assegno di mantenimento, può indagare con servizi di osservazione sul comportamento e le frequentazioni dei figli minori.

Generalmente il pedinamento statico o dinamico, è lo strumento più efficace nel ”puzzle” investigativo, per la raccolta di prove video-fotografiche che poi il cliente potrà, a sua discrezione, utilizzare in sede stragiudiziale o processuale.

Ma per il servizio di pedinamento tradizionale o elettronico ( consentito dalla legge ) l’agenzia investigativa deve disporre di uno staff di giovani detective altamente specializzati e professionali, esperti di guida, utilizzo delle più sofisticate apparecchiature video fotografiche, installazione e gestione di Gps ecc.

L’agenzia investigativa e l’infedeltà coniugale

Il cliente che sospetta un tradimento può fugare ogni suo dubbio rivolgendosi ad un Investigatore Privato che sarà in grado di smascherare il partner fedifrago attraverso tecniche investigative e strumenti tecnici avanzati. Il ricorso all’Investigatore Privato consentirà di ottenere le prove a supporto della richiesta di separazione/divorzio con addebito al coniuge infedele.

Tradimento

Nel corso di un indagine per sospetto tradimento l’Investigatore Privato ricorre a varie tecniche investigative: osservazioni, riprese video fotografiche, interviste a persone informate sui fatti, individuazione anagrafica della persona frequentata nella relazione extraconiugale e persino pedinamenti elettronici con l’ausilio di strumenti gps. Il tutto chiaramente nel rispetto dei limiti fissati dalla legge.

Le prove raccolte dall’Investigatore Privato sono fondamentali per sostenere che l’infedeltà della persona fedifraga è la causa scatenante della crisi matrimoniale. L’investigatore assicura in ogni sua indagine discrezione e massima riservatezza. Al termine dell’attività l’Investigatore privato produrrà una relazione finale dettagliata con le immagini nel rispetto delle norme deontologiche e di privacy utilizzabile in Tribunale. Nel caso di separazione giudiziale e conseguente necessità di prove testimoniali non è sufficiente il report dell’agenzia investigativa ma dovranno intervenire personalmente gli operatori che hanno assistito e visualizzato le circostanze di interesse.

Litigio

Cosa fare e cosa NON fare prima durante e dopo il “fattaccio”

Prima: evitare assolutamente di fare domande continue sul misterioso scontrino reperito, sul messaggino visualizzato improvvisamente, su certe uscite serali misteriose tanto il vostro partner negherà sempre e comunque l’evidenza e voi sarete tacciati di essere dei pazzi e visionari e pregiudicherete l’eventuale attività di indagine da parte dell’agenzia investigativa.

Durante: anche se la tentazione del “fai da te” è sempre molto forte in quanto spiare il coniuge fedifrago appare semplice e soprattutto poco costoso, si sconsiglia vivamente questa prassi per i seguenti motivi: in primo luogo la tecnica del pedinamento è una procedura tra le più difficili e rischiose e va lasciata fare a professionisti della materia: secondo: la minaccia o la denuncia di stalking, da parte del/la fedifrago/a può far desistere il coniuge da ulteriori azioni legali; terzo: l’investigatore privato è un testimone qualificato che può produrre il materiale fotografico acquisito nel rispetto della privacy in qualsiasi sede.

Evitare assolutamente i sistemi, reperibili su internet, e pubblicizzati per spiare il telefono, registrare di nascosto i colloqui installare microspie o spysoftware perché, se il controllato se ne accorge (e succede molto più spesso di quanto si creda) voi ne pagherete amaramente le conseguenze.

Dopo: dopo che l’agenzia investigativa vi avrà mostrato o consegnato il materiale probatorio (report con foto, nomi e cognomi ecc) evitate assolutamente di scagliarvi immediatamente contro l’infedele mostrando la relazione e le prove. Parlatene prima con il vostro legale di fiducia per studiare la strategia più idonea. Ricordarsi che la vendetta va assaporata fredda e voi, al di là del tradimento affettivo e del conseguente dolore, dovete ben programmare a chi andrà la casa coniugale, ai tempi e modalità di affidamento dei figli, alle questioni economiche ecc. ecc. Se invece volete semplicemente riconquistare l’amore del vostro partner, parlatene prima magari con lo psicologo, l’avvocato e soprattutto con il vostro investigatore privato, che più degli altri professionisti ha visto in concreto come si sono svolti i fatti e può aiutarvi a studiare la più idonea strategia per la riconquista…del partner momentaneamente perduto.

L’Agenzia investigativa e le altre indagini Personali

Per quanto riguarda altre tipologie di indagini personali, queste possono riguardare non sole le infedeltà ma ad esempio il riconoscimento o disconoscimento della paternità, la verifica dell’affidabilità di badanti, baby sitter e colf, attraverso la verifica delle referenze professionali fornite dal soggetto, dei titoli e certificazioni riportati nel CV e la ricerca degli eventuali precedenti datori di lavoro.

Indagini sui minori

Può effettuare investigazioni per stalking e mobbing, indagini per l’affidamento dei figli nelle separazioni o divorzi, investigazioni sul comportamento e le frequentazioni dei minorenni ecc. ecc, indagini per rintracciare persone o debitori scomparsi, individuazione di beni e fonti aggredibili, attività lavorativa per il recupero dei crediti, Tutte queste sono investigazioni richiedono una profonda conoscenza delle complesse norme sulla privacy al fine di evitare illeciti civili e penali.

Investigazioni Aziendali

L’Agenzia investigativa a tutela delle Aziende

L’assenteismo ed i falsi permessi (ex art. 33 L. 104/92):

La normativa Privacy e soprattutto lo statuto dei lavoratori ed il recente Jobs Act non rappresentano assolutamente un impedimento per l’agenzia investigativa di investigare su casi sospetti di assenteismo al fine di tutelare gli interessi dell’azienda. Un lavoratore in malattia rappresenta un elevato costo non solo per l’impresa ma anche per la nostra società basta sul welfare.

Quindi sfruttare una falsa malattia per un lavoro al nero o per motivi di svago è un comportamento esecrabile non solo nei confronti del datore di lavoro ma anche nei confronti degli altri lavoratori e colleghi onesti. Il Garante della privacy e numerose sentenze della Cassazione hanno da sempre ritenute lecite queste indagini da parte delle agenzie investigative su incarico del datore di lavoro.

Purtroppo anche i permessi di tre giorni mensili richiesti per l’assistenza a familiari inabili si rivelano talvolta non veritieri. Il dipendente, anziché utilizzarli per tali finalità, svolge altre attività non pertinenti o se ne va magari al mare. Questi gravi comportamenti possono essere perseguiti con adeguate investigazioni private per la raccolta di prove valide nel rispetto dello Statuto dei lavoratori e della privacy.

La concorrenza sleale e lo spionaggio

Copiare le idee ed i marchi altrui è molto più vantaggioso che crearli ex nuovo. Consente alla impresa parassita di effettuare una concorrenza sleale senza eccessivi costi di produzione e commercializzazione.

Quali possono essere i soggetti da controllare?

  • Soci
  • Management
  • Eventuali aziende collegate o terziste
  • Fornitori
  • Esponenti organigramma aziendale
  • Dipendenti infedeli
Indagini per infedeltà aziendale

Quali possono essere i principali segnali delle frodi da segnalare all’agenzia investigativa?

I segnali sono molti ed è impossibile in questa sede elencarli tutti, indichiamo i più evidenti.

  • Improvviso arricchimento e tenore di vita più alto delle proprie entrate
  • Cambiamento di abitudini
  • Numerose telefonate non pertinenti all’attività lavorativa
  • Portarsi il lavoro a casa o lavorare in maniera ingiustificata fino a tardi
  • Frustrazione per promozioni non concesse.
  • Cassetti ed armadietti chiusi e non previsti dalla prassi aziendale.
  • Amicizie pericolose
  • Permessi frequenti ed assenza non giustificate ecc ecc.
  • Furti di attrezzature o programmi software

Alcune sentenze della cassazione hanno stabilito la liceità di instalazione da parte di agenzie investigative di microtelecamere all’interno dell’attività produttiva o commerciale per la tutela del patrimonio aziendale.

L’Agenzia investigativa e le frodi alle Assicurazioni

Un importante settore che riguarda l’attività di una agenzia investigativa è quello delle frodi alle assicurazioni in ambito RCA che in RCG.

L’attività investigativa consiste essenzialmente nelle seguenti operazioni:

  • Sopraluoghi e rilievi foto-planimetrici sul luogo del sinistro o della frode
  • Interviste alle persone informate sui fatti, testimoni ecc.
  • Ricostruzione del sinistro o delle modalità di attuazione della frode
  • Reperimento degli atti pubblici presso i Vigili, Polizia stradale, Carabinieri, vigili del Fuoco ecc.ecc.
  • Identificazione o rintraccio dei soggetti coinvolti
  • Verifica delle dichiarazioni e dei documenti prodotti dalle parti.

Queste attività di indagine possono rappresentare per l’agenzia investigativa anche un reale rischio per la propria incolumità quando si tratti di operare in zone con alta presenza di attività criminali e quindi l’investigatore privato deve usare molta cautela ed attenzione nella ricerca delle prove.

E’ legale assumere un Investigatore Privato?

L’attività degli investigatori privati è perfettamente riconosciuta ed ampiamente regolamentata dalle varie Istituzioni quali il Ministero degli Interni, Grazia e Giustizia, il Garante della Privacy.

Sicuramente l’investigatore privato italiano è il più controllato e regolamentato d’Europa.

Purtroppo il privato cittadino ma anche la classe forense non conoscono in profondità le grandi potenzialità delle agenzie investigative nella raccolta delle prove per la tutela di un interesse legale. Infatti le investigazioni possono essere richieste solo per far valere o difendere un (potenziale) diritto in sede giudiziaria e non per semplice curiosità personale. In sostanza ci devono essere concrete motivazioni che l’agenzia investigativa valuterà di volta in volta.

E’ evidente che l’investigatore privato deve possedere la licenza rilasciata dalla competente Prefettura per indagini in ambito civile e la speciale autorizzazione ad effettuare indagini in ambito penale. Deve frequentare corsi periodi di aggiornamento professionale per il rinnuovo periodico della licenza, deve essere in possesso di una assicurazione a tutela dei rischi professionali ed i dipendenti devono essere regolarmente inquadrati con uno specifico contratto di categoria. Il cliente deve assicurarsi che l’agenzia investigativa sia in possesso di tutti questi titoli. ( e non fidarsi se l’appuntamento per il colloquio avviene in un bar o addirittura in macchina e l’investigatore non dispone neppure di un ufficio)

L’Agenzia investigativa e le Indagini Difensive

Le investigazioni in ambito penale devono essere seguite e dirette dall’investigatore autorizzato con licenza speciale ( ex art 222 Norme att. Cpp.) rilasciata dalla competente Prefettura ai sensi dell’art. 327 bis c.p.p. L’incarico di indagini difensive dovrà essere conferito dal difensore, tuttavia anche le risultanze di indagini in ambito civile possono trasformarsi in elementi di prova per denunce a carattere penale. L’Investigatore Privato, su incarico del difensore, può svolgere anche Investigazioni preventive “per l’eventualità che si instauri un procedimento penale”, oppure Investigazioni successive utili al giudizio di revisione delle sentenze.

Da sottolineare che l’investigatore privato potrà svolgere le cosiddette attività investigative atipiche in ambito penale, quali i pedinamenti ed i servizi di osservazione, e le attività tipiche quali gli esperimenti exatrgiudiziali, ma non potrà farsi rilasciare dichiarazioni scritte e firmate da testimoni o persone informate sui fatti. Potrà solo ricercare ed individuare i testimoni da sottoporre al vaglio del difensore, unico abilitato con i suoi praticanti a raccogliere testimonianza firmate.

Come lavora un Investigatore Privato

Il codice deontologico della Privacy, la normativa TULPS, il Codice di procedura penale prevedono precise norme comportamentali che l’agenzia investigativa deve seguire. Innanzitutto l’investigatore privato non può iniziare le indagini senza un mandato scritto da parte del cliente. Il conferimento di incarico deve rispettare precisi limiti ed è opportuno che l’agenzia investigativa faccia parte di una associazione di categoria tipo la Federpol ( Federazione Nazionale degli Istituti di investigazioni private, informazioni e sicurezza ) per disporre di tutta la Modulistica controllata dagli esperti legali della associazione.

Nel corso delle indagini l’agenzia investigativa dovrà aggiornare il committente, sia esso la parte privata o lo studio Legale, sull’evoluzione delle indagine per permettere al mandante di valutare i risultati conseguiti, se ad esempio terminare o continuare le indagini. Ovviamente l’Investigatore Privato è come un “ confessore” ed assicura la massima riservatezza durante le indagini ed anche dopo la consegna del report finale. Se le indagini richieste sono incompatibili o non lecite dovrà adeguatamente spiegarlo al cliente. Generalmente la consulenza preliminare fornita negli uffici dell’agenzia investigativa è gratuita.

Come abbiamo già detto l’attività investigativa può essere svolta in varie modalità: attraverso pedinamenti con prove video-fotografiche ( servizi di osservazione) tradizionali od elettronici ( consentiti dalla legge) ricerca nelle open sources, ( banche dati disponibili, social networks ecc.) ricerca e visure presso enti ed uffici pubblici, interviste a persone informate sui fatti, indagini attraverso i propri corrispondenti italiani ed esteri ecc. ecc.

Quanto costa un Investigatore Privato

E’ la prima domanda che viene fatta all’investigatore privato!! Sarebbe come chiedere quanto costa un appartamento a Firenze? Ovviamente a questa ansiose l’agenzia investigativa potrà rispondere solo dopo il preliminare colloquio (gratuito) in agenzia. ( diffidare da chi fornisce prezzi e tariffe per telefono) l’investigatore serio dovrà farsi spiegare la tipologia dell’indagine, la durata, l’ubicazione, le abitudini dell’indagato/a, se ha già fatto altre indagini personalmente o tramite altre agenzia, gli obiettivi ecc.

Indagini per recupero dei crediti

Dopo di che Il costo delle attività di indagine saranno commisurate alle ore presunte di intervento. L’agenzia seria fornirà la esatta tariffa oraria per operatore impiegato, l’importo del rimborso per km. E suggerirà un budget massimo di spesa per rassicurare il cliente di non ricevere notule esagerate e non previste.

L’agenzia investigativa aggiornerà periodicamente il cliente sull’andamento dei costi sostenuti in maniera da assicurare la massima trasparenza. Quindi in sostanza è il cliente a decidere l’importo da investire dietro consiglio dell’investigatore privato ed in base alle sue possibilità. La leggenda metropolitana che le investigazioni private siano care è pura disinformazione. Sono molto più cari altri professionisti, i programmatori, i consulenti informatici o gli esperti di indicizzazione dei siti web che non rischiano il ritiro della patente, incidenti stradali o la propria incolumità personale.

Infine la tabella delle tariffe dell’agenzia investigativa, vidimata dalla competente Prefettura, deve essere esposta in maniera ben visibile all’interno degli uffici a disposizione della clientela e non possono essere applicate tariffe minori o maggiori di quanto riportato. Il tutto nella massima trasparenza a garanzia della clientela.

Contattaci se vuoi saperne di più!